Il tempo che non c’e’

1559172670.jpgAnzitutto ringrazio tutti i bloggers per le loro visite al il mio blog apparentemente morto! Tranquilli,il blog e il suo autore sono vivi e vegeti. Sono purtroppo afflitti da un problema dei nostri giorni: IL TEMPO!  Ebbene si,proprio quello,infatti con il cambiamento di orario lavorativo di mia moglie(Effettua un part time serale in una grande azienda che distribuisce farmaceutici),dalle 18.30 alle 23 ed oltre secondo le necessita’. Mettendo a confronto il mio orario di negozio che va’dalle 9.00 alle 20.00, mi ritrovo con la giornata piena dalle 9 alle 23 e oltre con la conseguente impossibilita’ di seguire il mio blog a dovere. E tutto questo per non caricare i nonni ormai anziani nel seguire un diavoletto di 7 anni che va a energia nucleare( lo tengono solo dalle 18.30 alle 20.00) Per fortuna la mia figlia piu’ grande (17) e’ ormai autosufficente. Una bella storia!! Quello che non si fa’ per i piccoli e per i nonni! Ho il timore di essere uscito da un circuito dove non e’ facile ritagliarsi uno spazio,ma sopratutto le lancette dell’orologio che non mi consentono di mettere giu’ i miei pensieri e le mie opinioni,mi rendono estremamente triste. L’unica cosa che mi rallegra e’che seguo i miei figli un po’ piu’ da vicino. Spero di riuscire a metabolizzare questo cambiamento e di poter tornare a curare il mio spazio e di conseguenza a visitare certe persone assolutamente speciali chiamate BLOGGERS!

Il tempo che non c’e’ultima modifica: 2008-08-06T22:41:17+00:00da romoletto43
Reposta per primo quest’articolo

33 pensieri su “Il tempo che non c’e’

  1. Ciao Romualdo,

    come ti capisco in questa tua situazione…il collo di bottiglia di questa societa’ perversa e’ e sara’ il tempo…
    Bisogna trovare un modo per recuperarlo anche se non e’ facile in questo vortice…spesso mi ingegno a pensare come fare ma ne esco quasi sempre con un nulla di fatto…se ti viene qualche idea fa sapere 🙂

    Ciao
    Michele

  2. Non si dimenticano le persone che valgono e che seguono sani valori.
    La head?
    Ho potuto farlo tramite Gabry de “il mio piccolo branco”, dopo aver selezionato la foto mi ha inviato il codice HTLM che serviva e le istruzioni; tu mi sembra che te ne intendi di un pochino quindi per te dovrebbe essere un giochetto da ragazzi.
    Gabry è cmq persona disponibilissima, se ti serve aiuto te lo da di certo.
    A presto, Giorgio.

  3. Nel rapporto con il TU, l’uomo trova il suo IO.
    Io divengo, attraverso i miei rapporti con il TU:
    nel momento in cui divengo IO, dico TU.
    Ogni vero vivere è incontrare.
    Martin Buber

    UN AUGURIO SINCERO DI UN S.S. NATALE FATTO DI AMORE PACE E SERENITA’, GIORGIO.

Lascia un commento